Home / Notizie Calcio Generiche / Euro 2016: analisi partita Francia – Romania
Europei calcio Francia - Romania

Euro 2016: analisi partita Francia – Romania

Finisce 2-1 la prima partita di Euro 2016 tra Francia e Romania. Entrambe le squadre scendono in campo con uno schieramento 4-3-3. Sono altissime le aspettative per la squadra ospitante che ha sempre portato risultati nei tornei organizzati in Francia. Tra questi spiccano gli europei 1984 e i mondiali 1998.

PRIMO TEMPO – La Romania parte subito in offensiva e si rende pericolosissima da calcio d’angolo dopo appena 3 minuti di gioco con un rasoterra centrale di Mihai Pintilii. Decisiva la respinta del numero uno francese Hugo Lloris. Ci riprova subito dopo Nicolae Claudiu Stanciu dalla bandierina con un pallone d’oro per Florin Andone che però non centra la porta.

La Francia di Deschamps non tarda a rispondere e dopo appena 5 minuti un colpo di testa di Giroud finisce di pochissimo a lato. Dopo pochi minuti Antoine Griezmann dall’area piccola, su azione di Paul Pogba, centra il palo che nega il vantaggio ai francesi. Il giocatore dell’Atletico Madrid ci riprova al 35′ con un potente rasoterra su passaggio di Dimitri Payet miracolosamente deviato da Sapunaru che sfiora il palo.

Il primo tempo regolamentare si chiude in parità dopo 2 minuti di recupero. Ritmi di gioco non molto alti ma partita pulita: una sola ammonizione per la Romania (Vlad Chiriches), zero per la Francia. Un inizio non dei migliori per Paul Pogba che chiude la prima metà di gara con 9 possessi di palla persi.

SECONDO TEMPO – Nessun cambio di formazione nella ripresa. Come nella prima frazione di gioco, la Romania di nuovo vicinissimo al vantaggio su preciso cross di Stanciu per Stancu, che spreca una formidabile palla gol per una mancata coordinazione quasi a tu per tu col portiere. L’attaccante romeno ricorderà a lungo questo errore.

La prima palla gol per i francesi arriva con un tiro centrale di Pogba che procura un corner, grazie al quale la Francia passa in vantaggio con un gol di Giroud. La legge non scritta del calcio, gol sbagliato = gol subito, porta i padroni di casa in vantaggio dopo parecchie imprecisioni tecniche. È una Francia che ha cambiato marcia ed al 62′ prova il raddoppio ma non riesce. Nel frattempo arriva il primo cambio per la Romania: Denis Alibec al posto di Florin Andone.

Al 65′ Patrice Evra commette fallo all’interno dell’area e l’arbitro Viktor Kassai fichia un calcio di rigore per la Romania. Batte Stancu e stavolta non sbaglia: arriva il gol del pareggio con un rigore perfetto all’angolino basso. Tutto da rifare per la squadra di Deschamps che effettua il primo cambio: Kingsley Coman al posto di Antoine Griezmann  e successivamente Anthony Martial al posto di Pogba, cambiando lo schieramento di gioco in 4-2-4.

Il modulo offensivo adottato dai francesi riesce a far breccia nella difesa rumena con un euro gol di Payet che di sinistro sferra un tiro imparabile all’incrocio dei pali da fuori area. Nulla da fare per Tatarusanu. Payet ribalta la partita e conquista il titolo di miglior giocatore in campo.

La partita si chiude al 94′ con la vittoria della Francia che si porta in testa al girone A.

PROSSIMO TURNO – Il prossimo appuntamento per la Francia sarà a Marsiglia contro l’Albania, mercoledì 15 alle 21.00. Stesso giorno a Parigi, alle ore 18:00, l’anticipo della Romania contro la Svizzera.

Informazioni su Redazione

Redazione

Leggi Anche

leo-messi-rigore-argentina

Messi: addio alla Nazionale dopo il rigore sbagliato in finale

COPPA AMERICA – Dopo l’ennesima finale persa per l’Argentina, questa volta contro il Cile per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *